Locandina Tangram II parte 2019defMomento di condivisione con gli altri, di verifica della visione acquisita, della comune possibilità irripetibile di “vivere l’inizio nella fine”: concerto da con-certare, la creazione delle possibilità che il suono diventi musica.

A tal fine la preparazione del concerto non avviene in un’ottica di “evento”, ma bensì come di un indispensabile corollario dell’attività del musicista, da sempre privilegiato iniziato nella trasmissione di pensieri sublimi e di intuizioni umane di perenne attualità.

Così vogliamo conoscere in primis in più a fondo possibile le partiture, ridurre al massimo la fatica extramusicale dei viaggi, conoscere con ripetute prove la sala in quanto l’acustica della sala uno dei fattori creatori della forma definitiva del “capolavoro”, vale a dire di quella composizione che contiene in sé parametri tali che la loro realizzazione possa avvenire in un luogo e in un periodo qualsiasi, restituendo all’usufruttore tutta la sua attualità.

Intorno a Christa Bützberger s’è creata negli anni una rete di giovani musicisti, tutti di alto profilo professionali, desiderosi di approfondire in tal senso il vasto repertorio pianistico e cameristico. Insieme a lei si riconoscono nel Gruppo strumentale ARS ET LABOR di cui fanno parte o in veste di pianista solista o in varie formazioni.

Il repertorio spazia dalla fine del Seicento (Progetto Alessandro Scarlatti) fino a tutto il Novecento.

I programmi dei concerti sono pubblicati nella sezione dedicata dell'archivio.

© ARS ET LABOR