L’idea dei laboratori viene dall’esperienza di “Bottega”: un gruppo di giovani musicisti con gli stessi intenti e della medesima formazione superiore utilizza le proprie conoscenze in interazione con gruppi o di bambini o di adulti, per avviare un percorso che li porti a vivere appieno tutto il fascino dell’esperienza musicale, con la speranza di suscitare in loro un interesse destinato a durare nel tempo.

Nel laboratorio si svolgeranno esperimenti sull’origine e la natura del suono, del ritmo, dei parametri più importanti musicali. Il tutto viene illustrato con esecuzioni di brani dal vivo da parte degli stessi docenti, utilizzo di registrazioni audio e video. La prevalenza data alle esecuzioni dal vivo (con il violino, il violoncello e il pianoforte) garantisce la possibilità di contatto con il suono reale e il massimo livello di interazione.

 

Laboratori per bambini

Non a caso in molte lingue la parola giocare è associata al far musica: la musica insegna come il divertimento possa andare d’accordo con qualità richieste nella vita come rigore e disciplina. Essa, per chi la pratica, può diventare il più bel gioco del mondo.

Partendo dalle osservazioni del bambino stesso durante piccoli esercizi oppure dopo l’ascolto d’un brano, esso viene condotto a sviluppare continuità d’attenzione, gusto per l’osservazione, e soprattutto capacità di ascolto.

È importante entrare in contatto con i capolavori musicali fin da un’età precoce, così che la loro straordinaria ricchezza, accessibile a tutti, non rimanga privilegio dei figli di pochi, appassionati di musica o professionisti.

 

Laboratori per adulti

Molte volte la propria presunta ignoranza impedisce a molti adulti di avvicinarsi a questa forma d’arte che invece, come ci insegna la straordinaria diffusione della musica classica europea a livello globale, è evidentemente accessibile a tutti.

I nostri laboratori si prefiggono di aiutare l’interessato a liberarsi dei propri pregiudizi e di scoprire quanto poco ci vuole per entrare in autentico modo nel mondo della musica classica: una virata di 180°, cioè verso se stesso!

Con un modulo che si basa sul metodo socratico della domanda e controdomanda, in concreti esempi, esperimenti sonori o brani interi, contornati da illustrazioni sul contesto storico nel quale sono stati scritti, ma anche con propri esercizi di tipo ritmico o melodico l’adulto si ritrova “risvegliato” all’ascolto dei massimi capolavori.

© ARS ET LABOR